Testamento ed eredità

A quali aspetti devo prestare attenzione perché il mio testamento sia valido? Quanto sono libero nel disporre della mia successione? Diamo una risposta a queste e ad altre importanti domande in materia di testamento.

Come si redige un testamento?

Se volete che le vostre ultime volontà vengano effettivamente attuate, dovete redigere un testamento che abbia validità giuridica. In Svizzera esistono due forme di testamento legalmente valide.

Il testamento olografo

Il testamento olografo (cfr. art. 505 CC) deve essere scritto a mano dal principio alla fine dal testatore stesso e riportare in calce data e firma.

Verificate con attenzione quanto avete scritto, per evitare fraintendimenti. Nel peggiore dei casi, una formulazione poco chiara può dare luogo a una controversia tra gli eredi. Formulazioni come «Mia nipote Anna dovrà ottenere la casa» si prestano alle più svariate interpretazioni: Anna otterrà la casa, ma a quali condizioni? Dovrà versare un corrispettivo agli altri eredi?

La cosa migliore per evitare simili inconvenienti è far controllare il testamento da un notaio, un avvocato o un altro esperto del ramo.

A seconda della situazione personale, può essere opportuno accludere al testamento un certificato medico da cui risulti la propria capacità di discernimento. In questo modo, ad es. se ci si trova allo stadio iniziale di una demenza, si evita il rischio che il testamento venga dichiarato nullo a causa della malattia.

Il testamento pubblico

Il testamento pubblico (cfr. art. 499 CC) non viene redatto a mano dal testatore, bensì stilato con l’assistenza di un notaio o di un altro pubblico ufficiale. Alla fine il documento è autenticato dal notaio e da due testimoni, che non devono essere parenti del testatore né essere menzionati nel testamento.

Con la propria firma, i testimoni confermano che il testatore era capace di discernimento all’atto della stesura del documento; non è necessario che siano messi a conoscenza del contenuto del testamento.

Una volta stilato, il testamento pubblico va deposto in custodia presso l’ufficio pubblico competente, ad es. l’ufficio successioni o un notaio.

Dove va conservato un testamento olografo?

In linea di principio, potete decidere liberamente dove conservare il vostro testamento. Il documento però deve risultare facilmente reperibile da chi di dovere dopo la vostra scomparsa, altrimenti rischiate che le vostre volontà non siano attuate.

Anche un testamento olografo può essere dato in custodia all’ufficio competente, ma non ci sono vincoli al riguardo: potete decidere di affidarlo a una persona di fiducia, come il vostro notaio o il vostro avvocato, oppure alla vostra banca.

Questo anziano ha regolato la propria successione con un testamento.

«Non è stato facile decidere a chi lasciare cosa, ma ora sono felice di aver sistemato la questione del testamento. Posso guardare al futuro con più tranquillità.»

Posso disporre liberamente della mia successione?

Ai parenti stretti spetta per legge una porzione legittima che dovete rispettare. Si tratta di una quota dell’eredità che, a seconda del grado di parentela, può ammontare ad es. alla metà, a un quarto e così via. 

Hanno diritto alla porzione legittima i seguenti soggetti:

  • tutti i discendenti (anche nipoti e pronipoti)
  • padre e madre
  • coniuge
  • partner registrato

Ciò che resta della successione una volta dedotte tali quote può essere assegnato liberamente dal testatore. Le porzioni legittime sono disciplinate dagli artt. 470 segg. CC.

Potete menzionare nel vostro testamento sia persone fisiche che persone giuridiche, come aziende, associazioni e fondazioni. Esistono due modi per farlo:

  1. L’istituzione d’erede: l’erede istituito riceve una quota percentuale dell’eredità ed entra a far parte della comunione ereditaria (cfr. art. 483 CC).
  2. Legato o lascito: attraverso un legato potete lasciare a una determinata persona o istituzione una somma di denaro o un oggetto a vostra scelta (cfr. artt. 484 segg. CC).

Per molte fondazioni di pubblica utilità i contributi provenienti dai lasciti ereditari sono di importanza vitale. I beni lasciati in eredità a tali istituzioni sono esenti dalle imposte; le somme in questione sono quindi destinate integralmente alle finalità da voi prescelte.

Qui vi spieghiamo come dovete procedere per lasciare parte della vostra eredità a un’organizzazione di questo tipo.

Posso modificare il mio testamento?

Il tempo passa e le cose cambiano. Per questo è importante verificare periodicamente se il testamento che avete stilato rispecchia ancora le vostre attuali volontà. Se non è così, siete liberi di apportare tutte le modifiche che desiderate. Badate però sempre a rispettare le prescrizioni formali inerenti al testamento, in modo che non perda validità.
Se decidete di redigere il documento ex novo, la cosa migliore è distruggere la versione precedente, per evitare qualsiasi malinteso ed eventuali controversie al momento dell’apertura della successione.

Nel dossier completo DOCUPASS trovate maggiori info sui vostri documenti previdenziali personali.

Ordinare DOCUPASS

Posso rinunciare all’eredità?

Non siete obbligati ad accettare un’eredità. Se decidete per il no, dovete presentare entro tre mesi una dichiarazione di rinuncia alle autorità competenti. In molti cantoni ci si deve rivolgere all’ufficio successioni o a un tribunale. Qui trovate un elenco completo degli uffici competenti in materia.

Si tratta di una decisione irrevocabile: nel momento in cui presentate la dichiarazione di rinuncia non fate più parte della comunione ereditaria. La quota di eredità che vi spettava è devoluta agli altri eredi (cfr. artt. 566 segg. CC).

Spesso all’origine di una rinuncia vi sono le ragioni seguenti:

  • l’eredità è costituita da debiti
  • vi era una controversia con il defunto
  • si desidera trasmettere l’eredità ai propri eredi

Come posso sapere se il defunto mi ha lasciato dei debiti? 

Per saperne di più sullo stato di fatto relativo all’eredità, chiedete informazioni all’ufficio delle imposte. L’ultima dichiarazione d’imposta del defunto vi fornirà una panoramica della sua situazione finanziaria. Anche gli estratti bancari o del registro delle esecuzioni possono essere illuminanti in questo senso.

Se tali informazioni non sono disponibili o non vi bastano, in qualità di eredi potete chiedere l’allestimento di un inventario pubblico (cfr. art. 553 CC), in cui verranno elencati i valori patrimoniali e tutti i debiti che rientrano nella successione. La comunione ereditaria risponde solo dei debiti che figurano nell’inventario. I creditori secondo il diritto civile che non avanzano tempestivamente le proprie rivendicazioni non potranno più rivalersi successivamente. L’inventario pubblico va richiesto entro un mese; trascorso tale termine, non è più possibile farlo.