In primo piano

Esaminiamo in modo approfondito un tema di attualità.
Foto: Loxone
© Loxone

Elenco di media

La nostra selezione

Invecchiare in salute a casa : dopo l'età adulta, vivere sereni, in sicurezza e con il corretto stile di vita

Invecchiare in salute a casa : dopo l'età adulta, vivere sereni, in sicurezza e con il corretto stile di vita

Il libro propone consigli e suggerimenti che favoriscono un corretto stile di vita per le persone anziane e promuovono comportamenti virtuosi fuori e dentro le mura domestiche. Un anziano in salute è infatti un anziano autonomo, attivo che conserva il ruolo di protagonista della propria esistenza e offre un contributo concreto alla rete affettiva e sociale nella quale vive, mantenendo autostima, identità, capacità di autogestione e indipendenza. Per questa ragione vengono suggerite soluzioni per l'organizzazione delle abitudini e degli ambienti della quotidianità che vanno dalla cucina alla lettura, dalla cura della persona alle attività di volontariato. Per rendere evidenti i tanti modi in cui l'invecchiamento possa risultare una risorsa per l'individuo e per la società nel suo complesso.

Al libro

 La casa intelligente per l'utenza debole: casi di studio ed esempi di buona prassi

La casa intelligente per l'utenza debole: casi di studio ed esempi di buona prassi

La domotica può assumere un importante ruolo nel miglioramento della qualità della vita di anziani e disabili all’interno delle proprie abitazioni contribuendo a ridurre la presenza di caregiver e assicurando una adeguata sicurezza alla persona (safety) e alle cose (security). 
Tuttavia progettare case intelligenti per le fasce deboli non è semplice perché la realtà di queste categorie è molto articolata e differenziata. Di volta in volta possono emergere nuove esigenze date da situazioni completamente diverse oppure simili ma con ampi ventagli di sfumature tali da richiedere risposte progettuali nuove o da modificare soluzioni già individuate ma da adattare o ottimizzare.
A questo si aggiunge il fatto che l’adozione di dispositivi elettronici e dei mezzi informatici deve essere calibrata e coniugata con l’eliminazione delle barriere fisiche e l’ergonomia degli arredi.
Per ottenere una risposta architettonica, tecnologica e sociale sostenibile, il Centro Universitario per gli Edifici Intelligenti (CUnEdI) dell’Università degli Studi di Trento ha elaborato una metodologia di progettazione partecipata e interdisciplinare finalizzata alla realizzazione di soluzioni abitative domotiche per l’utenza debole.
Lo scopo di questo volume è quello di presentare l’implementazione della metodologia sviluppata attraverso cinque casi di studio di Smart Home che riguardano adattamenti e nuovi alloggi mirati a favorire l’autonomia e la tutela di anziani e disabili cognitivi, applicando il modello “casa educativa e sicura”.

Al libro

Abitazioni con servizi di assistenza in Svizzera : le basi di un modello

Abitazioni con servizi di assistenza in Svizzera : le basi di un modello

Se con l’avanzare dell’età il disbrigo delle faccende quotidiane diventa gravoso, o addirittura si rischia di non riuscire più a organizzare la routine giornaliera, esiste la possibilità di far capo a servizi ambulatoriali (Spitex) o stazionari (istituti). Negli ultimi anni viene offerta anche una terza forma di cure di lunga durata, che si concretizza nell’offerta di abitazioni con servizi di assistenza. Tuttavia, il concetto di abitazione con servizi di assistenza è ancora impreciso. Manca un disciplinamento normativo, e la discussione è ostacolata dall’importante divario esistente tra le diverse regioni, sia nell’ampiezza dell’offerta sia a livello di organi responsabili degli istituti.

Allo studio

Ulteriori informazioni

Ricerche internazionale

 

Primi piani precedenti