In primo piano

Esaminiamo in modo approfondito un tema di attualità.
Foto: Marc Bachmann
© Marc Bachmann

In occasione del nostro evento bibliotecario "90plus" vogliamo mostrare l'intero spettro della vecchiaia in questo focus attraverso consigli e liste mediatici. Presentiamo diversi approcci: scientifico, soggettivo (la visione degli stessi anziani) e artistico (film d'animazione, romanzo, musica).

Elenco di media

La nostra selezione

I segreti dei popoli centenari : i principi svelati della salute e della longevità

I segreti dei popoli centenari : i principi svelati della salute e della longevità

Numerose malattie e disturbi di varia natura sembrano essere un prezzo inderogabile e in costante aumento che la moderna società occidentale è costretta a pagare. Ma è davvero così? Dobbiamo rassegnarci all'idea che invecchiare significhi per forza di cose indebolirsi, soffrire, ammalarsi? "I segreti dei popoli centenari" dimostra che le cose non stanno così. Ci sono infatti popolazioni che godono di una salute eccezionale e lasciano a bocca aperta ricercatori e studiosi. La vecchiaia e i problemi che ne derivano sembrano aver dimenticato questi popoli, le malattie passano accanto a loro ignorandoli, mentre l'aspettativa di vita raggiunge picchi straordinari.

Al libro

Manifeste per una vecchiaia ardente : età avanzata, età dell'avvenire

Manifeste per una vecchiaia ardente : età avanzata, età dell'avvenire

In un'epoca in cui il loro numero è in aumento e quindi anche il loro potenziale politico, i «vecchi» sono lasciati soli da una società che considera la vecchiaia l'età del lutto, un coacervo di ogni tipo di violenze. Quelle sul corpo, preda di malattie; quelle perpetrate da un mondo ossessionato dalla giovinezza, pronto alla sopraffazione di chi è debole; quelle dell'anima, afflitta da lutti, rimpianti e ricordi opprimenti. Abbandoniamo questa immagine di disfatta della vecchiaia, creiamo un movimento «ardente» che riconosca alla terza età, l'età agonica (dal greco agon, combattimento e gioco), di possedere la ricchezza di un patrimonio formato dal tempo vissuto.

Al libro

La curiosità non invecchia : Elogio della quarta età

La curiosità non invecchia : Elogio della quarta età

Questo libro è una riflessione sulla vecchiaia, stimolata anche dalle testimonianze di ottantenni e novantenni protagonisti della vita culturale e politica del nostro paese che raccontano di come e quanto è cambiato il loro modo di vivere i sentimenti e le esperienze propri della vita di ogni essere umano: la famiglia, l'amore, l'amicizia, il senso del tempo, i sogni, il desiderio, i ricordi, i lutti. Ammaniti ci mostra che continuare a coltivare affetti, interessi e passioni, rimanere agganciati al presente e fare progetti per il futuro, magari condividendo in maniera partecipe quelli di figli e nipoti, è il segreto per far sì che la vecchiaia non corrisponda a un periodo di vuota attesa della morte, ma sia una fase di straordinario arricchimento interiore e affettivo. Come quando il giorno concede al tramonto la sua luce più intensa e più vera.

Al libro

Scegliere di essere felici : cosa ho imparato dai superanziani

Scegliere di essere felici : cosa ho imparato dai superanziani

Quando John Leland comincia a occuparsi di anziani per il New York Times, la sua disposizione d’animo è quella di chi si prepara a un viaggio attraverso la solitudine e il deterioramento fisico e mentale. Invece, la sua inchiesta prende una piega del tutto diversa.

Condividendo per un anno le difficoltà, i rituali, le paure, le fissazioni di sei ultraottantenni, finisce per scoprire che «hanno perso molto», la vista, l’udito, la mobilità, la memoria, che hanno alle spalle una storia di lutti, ma non «hanno perso tutto», in termini di capacità di gustare la vita nelle sue molteplici possibilità. Anzi, paradossalmente, la coscienza che ogni giorno potrebbe essere l’ultimo dona loro un inatteso appagamento, un’attitudine verso la vita e verso il piacere improntata a una straordinaria leggerezza.

Al libro

Ulteriori informazioni

Il segreto dei centenari sardi

Gli scienziati: «Il loro Dna li difende da molte malattie». Dal 1996 raccolti 3.800 campioni di materiale genetico. La banca dati sulla longevità più grande al mondo.

All'articolo

Primi piani precedenti