Ho/abbiamo diritto a prestazioni complementari?

Se rendite e altri redditi non bastano per finanziare il minimo vitale intervengono le prestazioni complementari all’AVS e all’AI (PC). Le PC sono un diritto di legge. Assieme all’AVS e all’AI, esse coprono il fabbisogno finanziario di base.

Qui si può calcolare, in 3 semplici passi, un’eventuale diritto a prestazioni complementari. Nota bene: Il calcolo è provvisorio e anonimo (i suoi/vostri dati non saranno memorizzati da nessuna parte). Si tratta pertanto di un calcolo provvisorio e non vincolante, che non costituisce nessun diritto legale a prestazioni complementari.

Domande e risposte sulle prestazioni complementari

Hanno diritto alle PC i beneficiari di prestazioni AVS/AI domiciliati in Svizzera.

Trovate informazioni più precise al sito ufficiale dell’AVS/AI.

Minimo esistenziale PC previsto per legge = forfait per il fabbisogno vitale generale + pigione + premi per l’assicurazione malattie. Il fabbisogno vitale minimo include quindi tutte le spese escluse la pigione e la cassa malati.

Qui trovate utili indicazioni e orientamenti sulla composizione del fabbisogno vitale:

Potete esercitare il vostro diritto alle PC presentando richiesta al Servizio prestazioni complementari del cantone competente. A questo indirizzo potete anche richiedere i moduli ufficiali per la richiesta.

Qui trovate una lista dei servizi cantonali competenti per le prestazioni complementari.

Fatti e cifre

Le prestazioni complementari (PC) all'AVS e all'AI sono d’aiuto quando le rendite e gli altri redditi non riescono a coprire il fabbisogno vitale dell'assicurato. Alla fine del 2014, in Svizzera erano 309’400 le persone pensionate che beneficiavano di PC. Le PC svolgono un ruolo importante soprattutto nel finanziamento di un soggiorno in un istituto o una casa per anziani.

Le PC sono un diritto previsto per legge. Assieme all’AVS e all’AI fanno parte della sicurezza sociale del nostro Stato.